da Uomini&Business (aprile 2010)

L’intellettuale. E ancora, l’artista, il poeta del lusso. Quando si parla di Antonio Marras, stilista sardo titolare dell’omonimo marchio, si entra in un terreno che ha pochi paragoni nel panorama odierno della moda: nelle sue collezioni poesia, memoria, tradizione si sposano con una sapienza artigiana piuttosto rara tra i suoi colleghi. Il risultato sono collezioni senza tempo, in cui tessuti pregiati e ricami diventano espressione di un talento che, fin dagli esordi, ha trovato nel forte legame con la sua terra d’origine il marchio distintivo. Dalla sua Sardegna non si è infatti mai voluto separare. Non lo ha fatto neanche quando nel 2003 Bernard Arnauld, patron del numero uno mondiale del lusso Lvmh, gli ha affidato il rilancio dell’ex marchio giapponese Kenzo. Meglio fare la spola tra Parigi e Milano, che lasciare Alghero, dove continua a vivere insieme alla moglie Patrizia e i due figli.

Ostinato nel suo splendido isolamento sardo, lo stilista ha fatto della perseveranza, associata ad una sconfinata dedizione per il lavoro, il suo cavallo di battaglia. Talvolta visto con sospetto dagli addetti ai lavori per eccesso di intellettualismi, lo stilista-poeta di Alghero è riuscito nel giro di pochi anni ad imporsi all’attenzione del mercato, entrando a pieno titolo tra i rappresentanti più noti del made in Italy all’estero.

Dopo anni di consulenza per una società della moda, il suo battesimo ufficiale è arrivato nel 1996 sulle passerelle dell’Alta Moda romana. Già nella sua prima sfilata couture sono presenti gli elementi chiave del suo stile: una forte componente artigianale e la Sardegna come fonte d’ispirazione. Il suo talento non passa inosservato. Di lui, in particolare, si invaghisce il gruppo bolognese Les Copain, che decide di investire su questo giovane emergente. È grazie al supporto industriale dei nuovi soci che nel 1999 vedrà la luce la prima collezione prêt-à-porter firmata Antonio Marras. La collezione, dedicata alla scrittrice Annemarie Schwarzenbach, racchiude tutti gli elementi che compongono la sua poetica: elementi di grande ricchezza decorativa si innestano su abiti vintage in mix-match di ricco e povero, maschile e femminile in cui fanno da sfondo suggestioni di costumi sardi.

Dal prêt-à-porter alla collezione uomo il passo è breve: il debutto arriva nel 2002 al Pitti Immagine Uomo. Da allora la linea uomo ha continuato a sfilare regolarmente a Milano durante la settimana della moda. Poi, in attesa di tempi migliori, la decisione di metterla in stand-by. Un po’ per la crisi, un po’ perché i numerosi impegni di lavoro in cui lo stilista è impegnato mal si conciliano con il rigore che da sempre contraddistinguono i suoi abiti.

In effetti, a guardar bene i numerosi progetti in cui è impegnato, viene da chiedersi come faccia occuparsi in prima persona di tutto. A fianco alle collezioni donna, Antonio Marras è, dal 2002, impegnato nella linea “Laboratorio”: abiti in tiratura limitata, realizzati a mano nel laboratorio dove vive e lavora, e che spesso sono punti di partenza per modelli che confluiranno nella prima linea.

Oltre a seguire il proprio marchio, dal 2003 lo stilista segue Kenzo, società che fa parte del grande universo di Lvmh: entrato in punta di piedi per disegnare la collezione femminile, nel 2008 la società francese ha deciso di ampliarne i poteri, nominandolo direttore artistico globale.

Come se non bastasse, negli ultimi anni Marras si è lanciato nel progetto I’M Isola Marras: una seconda linea rivolta ad una clientela più giovane e anche più abbordabile nei prezzi, prodotta e commercializzata su licenza da Interfashion, società del gruppo Stefanel. «Da molto tempo desideravo ampliare il mio discorso verso un pubblico più vasto rispetto a quello che fin qui ha apprezzato le mie prime linee, ma per farlo avevo la necessità di trovare il partner giusto per un simile progetto. Interfashion ha dimostrato di esserlo per know-how, competenza e penetrazione di mercato». Nella nuova linea si ritrovano tutti i codici che hanno caratterizzato fin dall’inizio l’alfabeto di Antonio Marras, ma in una versione più casual, dove il jeans gioca un ruolo fondamentale. «In un certo senso, I’M è il mio lato B: nella collezione principale ho sempre esaltato il mio cotè più nostalgico, malinconico, retrò, mentre con I’M ho dato sfogo alla mia vena più ludica, giocosa, divertente. È una collezione sfiziosa, allegra, frizzante, che non si prende troppo sul serio».

Insomma, un periodo di grande fermento in casa Marras. Che in parte è da ricollegare alla recente acquisizione del 40 per cento in mano a Les Copains. Nel 2007, Marras è tornato titolare unico del suo marchio. E in questa nuova fase della vita professionale ha deciso di aumentare il suo spettro d’azione, andando oltre i confini dell’abbigliamento.

All’avvio della campagna vendita della collezione donna autunno-inverno 2010-2011, lo stilista si è presentato al mercato con un tris di licenze che allargano significativamente la sua offerta prodotto. Tra queste, il recente accordo con Kallisté per la produzione di calzature, borse e oggetti di piccola pelletteria. Novità sono arrivate anche sul fronte della maglieria: a partire dalla collezione della prossima stagione autunnale, la produzione, prima affidata al gruppo Gibò, passa a Loma, un’azienda emiliana con una grande esperienza alle spalle nella maglieria di alto livello. Dall’accordo è nata una sorta di capsule con un numero di pezzi notevolmente aumentato sempre più indirizzato al total look.

A queste licenze si aggiunge infine il progetto «Soft Accessories» realizzato in collaborazione con Erica Industria Tessile Spa di Busto Arsizio (Varese) per la produzione di una vasta linea di accessori (dalle borse da viaggio e da lavoro ai portadocumenti e porta computer) realizzata utilizzando il tessuto come materia prima.

Resta da capire come lo stilista riesca a seguire tutto questo. «Sono uno stakanovista, anche se la vita che sto facendo ora, pur riempiendomi di soddisfazioni è davvero troppo intensa. Io ho bisogno anche di spazi per riflettere, per fare quello che davvero mi tocca l’ animo: il teatro, la danza, la musica e la pittura. Non sono uno stilista, sono un uomo prestato alla moda con interessi travolgenti verso altre discipline, mi confronto quotidianamente con altri universi. Il problema è che tutti ormai viviamo in uno stato di urgenza totale, una vita al limite del nevrotico».

Lo shopping globale di Marras

La creatività di Antonio Marras va oltre le passerelle. Entra nel suo monomarca milanese fino a delineare un nuovo concetto di shopping. Dallo scorso dicembre, nel monomarca milanese di Via Santo Spirito 14 gli affezionati della griffe possono acquistare ogni singolo pezzo esposto. Non solo, quindi, i capi delle collezioni invernali uomo e donna, ma anche mobili, soprammobili e oggetti d’arredamento. Da sempre gli spazi abitati da Antonio Marras sono arredati unicamente con pezzi di recupero, provenienti da anni di ricerca condotta personalmente dal designer nei mercatini e dai rigattieri di tutto il mondo. Sempre nello stessa visione rientrano due nuove edizioni speciali che sono già presenti nella boutique milanese: la prima, segnalata dall’etichetta Archivio, raccoglie capi di collezioni passate che continuano ad essere richiesti ed amati dai clienti e che sono diventati capi simbolo della maison. La seconda, identificata dall’etichetta Retrouvé, è composta da capi vintage provenienti dall’enorme collezione privata dello stilista. Completa la nuova visione dello shopping firmata Antonio Marras la possibilità di acquistare capi ed accessori online collegandosi a www.antoniomarras.it, sito completamente rinnovato nella veste grafica, dove nella sezione boutique si possono acquistare pezzi della collezione con un click.

Annunci